FAQ per eliminare sganci e rumori indesiderati sul palco

Il rumore da messa a terra. Il ronzio. Il crepitio. O la completa mancanza di suono. Mentre abbiamo tutti familiarità con il suono indesiderato del feedback di un amplificatore per chitarra, ci sono altri problemi che sono un po’ più complicati da identificare ed eliminare. Grazie a questo articolo sarete perfettamente in grado di arginarli prima di salire sul palco.

Ronzio di messa a terra

Domanda: “In una piccola area del mio studio vicino all’interruttore della luce ho un certo tipo di interferenze elettriche e tutti i miei microfoni hanno un ronzio elettrico quando direzionati in una certo verso. Se giro il microfono di 90 gradi, questo disturbo scompare. Quindi, prima di scrivere agli altri produttori di microfoni, vorrei chiedervi se usate un tipo particolare di schermatura nei vostri microfoni che prevengano questo tipo di rumore da interferenze elettriche.”

Risposta: La fonte probabile del problema è una massa nel vostro studio provocato dalle linee di alimentazione in corrente alternata. Qualsiasi tipo di microfono dinamico, come i nostri SM57 o SM58®, contengono una bobina mobile che è molto suscettibile a captare rumori di messa a terra. A questi microfoni non può essere aggiunto nulla per controllarla. Alcuni microfoni dinamici come Shure SM7B contengono una bobina humbucker interna che riduce la ripresa della messa a terra (riduce, non elimina). Altri microfoni dinamici, come lo Shure Beta 58A, hanno una schermatura più efficace intorno alla bobina che riduce il ronzio. Tutti i microfoni dinamici riprenderanno questo campo ronzio in una certa misura. I microfoni a condensatore, ad esempio i prodotti della serie KSM, non hanno bobine. Questi microfoni si comportano decisamente meglio in caso di disturbi da massa elettrica, ma molti di questi microfoni hanno trasformatori di uscita che, come una bobina, possono anche captare il ronzio. Se il rumore da messa a terra non può essere eliminato, vi consigliamo di usare microfoni a condensatore di alta qualità senza trasformatore in uscita.

Filtraggio a pettine (o comb filtering)

Domanda: “Come fanno i fonici di teatro? Mi capita spesso di avere attori con lavalier fra i capelli o sulle orecchie che parlano mentre si abbracciano. Quando lo fanno ottengo un suono simile ad un lieve filtraggio. Spesso non ho tempo per ridurre il volume di uno dei microfoni per ridurre la perturbazione del comb filtering. So che alcuni indirizzano i lavalier ad altoparlanti diversi, ma quando si hanno molte scene come quella con molti lavalier, il routing può creare un bel mal di testa.”

Risposta:

Fondamentalmente ci sono 3 metodi:

  • Ridurre il volume di uno dei microfoni.
  • Indirizzare i microfoni ad altoparlanti diversi.
  • Utilizzare in insert nella vostra console principale un AutoMixer in modo che quest’ultimo possa accendere e spegnere i microfoni quando sono utilizzati o meno.

Domanda: “Dove posso trovare informazioni su come microfonare correttamente un podio con due microfoni Microflex a collo d’oca? Voglio evitare il comb filtering a tutti i costi!”.

Risposta: Se desiderate che entrambi i microfoni siano attivi contemporaneamente posizionate le punte dei microfoni al centro del podio, uno sopra l’altro, mentre se preferite disporre i microfoni a entrambi gli angolo del podio con le teste molto distanti, collegate i microfoni al mixer automatico Shure SCM410, che attiverà un microfono o l’altro a seconda di quale riprende il segnale migliore. In questo caso, non attivate contemporaneamente entrambi i microfoni o la qualità audio sarà scarsa. In alternativa nessuno vi vieta di collocare un solo microfono direttamente al centro del podio e lasciar perdere il secondo.


Sganci nei PSM (Personal Stereo Monitor)

Domanda: “Ho appena acquistato un sistema IEM, ma a volte il segnale scompare, poi torna. Perchè accade questo fastidioso fenomeno?”

Risposta: Probabilmente il sistema wireless ha un ricevitore con antenna singola. Come con qualsiasi sistema senza fili, indipendentemente dal fatto che sia un radiomicrofono o un IEM, un sistema con antenna singola sarà soggetto ad occasionali dropout. I ricevitori diversity, ad esempio il P10R, usati con microfoni wireless superano questo problema usando due antenne, o anche due sezioni del ricevitore completamente separate per evitare sganci.

Sganci in RF (radio frequenza)

Domanda: “Come posso evitare i dropout con il mio radiomicrofono?”

Risposta: I radiomicrofoni professionali operano nelle stesse porzioni di banda di frequenza usate dall’emittenza televisiva. Molti sistemi wireless offrono una funzione di scansione che vi permetterà di trovare le frequenze libere e per ottenere i risultati migliori, le antenne del ricevitore devono essere collocate in linea visuale verso i trasmettitori. I ricevitori possono essere situati ovunque sia comodo. Di solito mettere le antenne riceventi in un armadio o dietro un muro comporta una gamma di funzionamento ridotta o una maggiore probabilità di dropout momentanei nel segnale.

Rumore GSM

Domanda: “Mi sono trovato in situazioni in cui dispositivi GSM creavano interferenze nei componenti dell’impianto audio: microfoni (con cavo e wireless), mixer e altri dispositivi audio. Nulla sembra immune!”

Risposta: Le frequenze effettive usate da smartphone e tablet variano a seconda della nazione e del provider. Negli Stati Uniti ci sono due gamme di frequenza principali in uso, 698-894 MHz (bande 700, 800, e 850 MHz) e 1710-2155 MHz (bande PCS e AWS). La stazione di base del provider indica al dispositivo di aumentare o diminuire la sua potenza secondo quanto è forte il segnale del dispositivo. Se l’utilizzatore si trova all’interno di una sala riunioni in un grande edificio come un albergo o una sala congressi, il segnale del dispositivo sarà più debole vicino all’antenna delle cellule. In tali condizioni il dispositivo potrebbe essere operativo (scambio di traffico dati) a livelli di potenza elevati, anche se non c’è nessuna chiamata vocale in corso. Nella sala riunioni, il rumore di fondo RF dell’ambiente può essere elevato a causa di dozzine o centinaia di smartphone e tablet che operano contemporaneamente. Ciò può provocare problemi di interferenza o di ricezione per i sistemi microfonici wireless. Se volete saperne di più su come arginare i disturbi GSM vi consigliamo di leggere anche questo articolo.

Non perderti il meglio di Shure Blog, Iscriviti alla newsletter!